CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE  - Comune di Bisacquino (PA)
...oltre le regole
 

 
campagna d'informazione sulla sicurezza stradale e sui rischi della guida sotto l'influenza di alcool e droghe
 
 
 
 
 
 
 

 
Descrizione  dell’intervento informativo
 
Nella parte del progetto rivolta agli studenti patentandi e neopatentati delle scuole superiori, verranno realizzati incontri sulla tematica della sicurezza sulla strada con discussioni ed approfondimenti che consentano ai giovani  di avere una misura del rischio e dei sistemi di sicurezza, propedeutica all’esperienza pratica, al fine di evitare che questa possa essere vissuta dai giovani come un “gioco per adulti” e non come l’occasione per avere una misura “protetta” del rischio. Pertanto l’intervento propedeutico che si intende offrire nelle Scuole all’interno del progetto avrà le caratteristiche di seguito descritte:  
 
Obiettivi specifici dell'intervento:
 
1.       fornire ai ragazzi l’opportunità di avere informazioni sui principali fattori di rischio di incidente stradale e sulla necessità di utilizzare sempre i sistemi di sicurezza attivi e passivi;
2.       favorire un approccio critico al problema perché ne traggano un’opinione diversa dalla “fatalità” attraverso un protagonismo “positivo” della loro presenza come nuovi utenti della strada (moto, auto).  
 
Contenuti e organizzazione dell’intervento: 3 incontri di 2 ore ciascuno, con 4 gruppi di ragazzi, per un totale di 12 incontri.
 
1° Parte: Proiezione dei Video emozionali e di vari spot anti-alcool da Tv di Stato europee e informazioni sulla normativa, sui controlli e sulle sanzioni.
 
Relatori: Forze dell'Ordine
 
L’inizio dell’incontro non prevede un’introduzione all’argomento ma la presentazione di video che immergano i giovani in una realtà che ignorano o che non hanno finora ritenuto fondamentale per la loro vita. I filmati si avvalgono di spot in uso in differenti paesi europei (Spagna, Inghilterra, Francia..) su argomenti quali la guida in stato di ebbrezza alcoolica, la stanchezza, il mancato uso delle cinture di sicurezza, i controlli dell’alcoolemia e immagini reali di interventi del 118 e delle FF.O. in sede di incidente.
Si pensa al concetto di Codice della Strada come codice non delle punizioni ma delle regole senza le quali c’è il caos, alla dinamica del moto intesa come applicazione pratica della fisica sulla strada secondo i tempi di reazione in movimento, lo spazio di arresto, l’energia cinetica, la forza centrifuga, l’impatto d’urto, ma anche le scelte individuali (alcool e ricerca del rischio) e nel gruppo dei pari (comportamenti di sfida o emulazione); le caratteristiche dei sistemi di sicurezza attivi e passivi. Si discute infine delle scelte individuali che contano. La decisione di privilegiare l’uno o l’altro argomento è legata, oltre ai messaggi prioritari comportamentali,  al grado di interrelazione e di interesse degli allievi. È  possibile effettuare in aula dei test con l’etilometro per far conoscere ai ragazzi la natura dei controlli.
 
2° parte: Parliamone insieme  ( discussione con gli studenti)
 
Relatori: sociologi, psicologi e assistenti sociali 
 
Occorre lasciar parlare liberamente i ragazzi perché possano scaricare la tensione e le emozioni evocate dai video. La durata dipende dalle domande formulate e serve a far emergere le differenti opinioni su fatalità, velocità, riflessi, alcool, casco, cinture, esperienze personali.
Si intende creare un clima di interesse sulla tematica e di curiosità sui riscontri obiettivi rispetto a determinate opinioni diffuse (p.e. “la maggior parte degli incidenti avvengono in autostrada”…)  
 
3° parte: Condividiamo le conoscenze, perché le scelte siano consapevoli.
 
Relatori: sociologi, psicologi e assistenti sociali 
 
Quasi “sfumando” sui temi proposti dai ragazzi, si introducono gradualmente degli approfondimenti sugli argomenti affrontati nella discussione. Si spazia su tutti i principali elementi utili per la conoscenza del rischio derivante dalle dipendenze create da alcool e droghe. Si ritiene opportuno, successivamente all’incontro, stimolare nelle classi interessate l’eventuale produzione di materiale educativo da porre a disposizione di quanti non hanno potuto o voluto partecipare, utilizzando slogan e dinamiche comunicative in voga tra i giovani, secondo una logica di “peer education” (educazione tra pari) di comprovata efficacia.
 
PARTECIPAZIONE ATTIVA DEGLI STUDENTI NELL’AMBITO DELLE ATTIVITA’ DIDATTICHE : 
 
1)                  Ideare e realizzare un manifesto illustrato, in ogni classe: verrà quindi selezionato quello ritenuto più originale e significativo, oltre che più efficace nella trasmissione del messaggio sotto l’aspetto comunicativo; il manifesto sarà fatto stampare e utilizzato quale campagna d’informazione del Comune;
2)                  Ideare e realizzare un video “spot” sulla sicurezza stradale di 1-2 minuti; successivamente il miglior video, valutato dalla giuria, sarà premiato nell’ambito del Premio “Frank Capra” durante l’estate bisacquinese.
 
Tutto il materiale realizzato rimarrà di esclusiva proprietà del Comune di Bisacquino.
 
 
 
CREDITS 
 
I video sono gratuitamente messi a disposizione da: 
 
 
A.N.V.U. – Associazione Professionale Polizie Locali d’Italia 
PEGASO – Rete Nazionale Educatori della Polizia Locale   
 
si ringraziano per la collaborazione alla redazione del progetto:  
 
L’assessore alle politiche giovanili del Comune di Bisacquino,
dr. Pietro FISCHIETTI 
Il sindaco di Bisacquino, dr. Filippo CONTORNO 
La Polizia Locale di Tortona (AL) 
La Polizia Locale di Lecco    
 
 
personale impegnato nel progetto  
 
 
Comm. capo Ignazio BACILE – Com.te PM Bisacquino - formatore ANVU in educazione e sicurezza stradale 
 
Maresciallo Ord. CC Davide CASCINO - com.te Stazione Carabinieri Bisacquino
 
Dr. ssa Enza DINO - ASP Palermo
 
Esperti esterni: Dr. ssa Francesca PARRINO - Dr. ssa Leda DI CARLO - Dr. ssa Daniela COTTONE - Dr.ssa Maria Pia RIZZO
 
Prof. Giuseppe MERENDINO - coordinatore per la scuola